Alpone - Associazioni

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il mese in una pagina. Ottobre 2014


Le multe incidono sul bilancio comunale

Non solo calano le infrazioni ma soprattutto un colpevole  su due non paga la sanzione entro i 60 giorni stabiliti. E così nelle casse comunali, già di per sé piuttosto scarse, diminuiscono le entrate. Per il 2014 si sperava negli automobilisti indisciplinati per incassare più 16 milioni di euro ma all'appello mancano più di due milioni.  Un calo imprevisto, che rischia di mettere in crisi i conti del Comune. Credo sia triste, o quanto meno diseducativo, pensare che per far quadrare il bilancio comunale si spera nelle infrazioni dei concittadini. La crisi produce anche questi effetti positivi-negativi, a seconda dei punti di vista. Gli utenti delle strade veronesi sono improvvisamente diventati più disciplinati e ligi alle regole anche se in Comune evidentemente si augurano che i patentati ritornino a sfidare il codice della strada!
Nel frattempo nel territorio del comune di San Giovanni Lupatoto sono state inviate più di 24.000 contravvenzioni per l'autovelox per un totale da incassare di 2,2 milioni di Euro. Il Bilancio di questo comune è salvo!


"Marmomacc" e "Abitare il tempo"

In Fiera due eventi in contemporanea dal 24 al 27 Settembre. Marmomacc è la più importante manifestazione mondiale dedicata al settore lapideo (4 miliardi di euro di fatturato), dai macchinari ai prodotti finiti con oltre 1500 aziende di varie nazioni. Non è certo una novità ma i funerali sono un businnes che non conosce crisi! Il Palaexpo ospitava anche la fiera dedicata alle soluzioni d’interni e arredo con 80 espositori.  Ad inaugurare le rassegne sono intervenuti il viceministro dello sviluppo economico, Carlo Calenda, e il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi. Con Marmomacc  aumenta anche la collaborazione con EXPO 2015, già in atto con Vino –A Taste of Italy. «Architetti, progettisti, designer e interior designer sono attività che vengono messe al servizio dell’Expo 2015 e che, attraverso quest’ultimo, si potenzia ancora di più verso i propri interlocutori, intercettando nuove realtà ed opportunità per le imprese nazionali, vere e proprie eccellenze del manifatturiero made in Italy», sottolinea il Direttore Generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani.


L’impatto dei lupi nel parco della Lessinia

Ormai sono una trentina i capi di bestiame uccisi da questi predatori in Lessinia che, di fatto,  seguono semplicemente il loro istinto naturale di sopravvivenza. Il sindaco di Erbezzo Lucio Campedelli , cerca però di sottolineare il problema: «La questione va governata o diventa tragedia».  Il vice-sindaco di Sant'Anna d'Alfaedo Paolo Campostrini evidenzia che “non possiamo perdere un capo al giorno”. “Dicono di difendere gli animali. Bravissimi! E allora vengano, una notte, a sentire le urla disperate di una manza aggredita e sbranata viva da un lupo. Ululati che si sentono a chilometri di distanza, e poi non ti lasciano più dormire per notti e notti...” afferma Claudio Menegatti , un allevatore di Bosco Chiesanuova. E' strano pensare che per difendere i lupi come specie protetta le forze politiche in consiglio comunale si "azzannano" mentre per difendere le manze non si scomodano tanto.  Povere mucche al pascolo: contano poco perché non disturbano, fanno il loro lavoro, il latte, e poi diventano bistecche a beneficio di tutti. Mentre i lupi che vivono sulle loro spalle (è il caso di dirlo) vengono protetti anche se violenti, essendo considerati vittime, poverini, della società!  Chissà se qualcuno intravede una condizione simile, in un'altra razza, negli umani!
A fine settembre a Roma un pastore tedesco (detto anche cane lupo) uccide a morsi una bimba di tre anni. Salvatore Montemurro, presidente dell'Osservatorio italiano cani mordaci, sottolinea l'importanza della scelta del cane soprattutto se in famiglia ci sono bambini. «Non è sempre un buon cane di famiglia, perché ha forti istinti di guardia, controllo e anche predatori, insieme a una grande vitalità che necessità di essere sfogata. Per questo va inserito nelle famiglie in modo lento e graduale, con l'aiuto di un addestratore esperto».
Ma se un animale domestico necessita di questi accorgimenti, allora come vanno inseriti quelli selvatici? L'ordinanza del sindaco Flavio Tosi che parlava di tutti gli animali selvatici allo stato brado potenzialmente pericolosi per l'uomo e il bestiame al pascolo, è stata bocciata dal TAR. L’Ispra, (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) che fa capo al ministero dell’Ambiente, ribadisce che «la cattura e lo spostamento del branco responsabile, non appare un’opzione tecnicamente applicabile» perché il lupo compie spostamenti di centinaia di chilometri e quindi un trasferimento avrebbe effetti solo temporanei.  Secondo l’Ispra, «le immissioni di lupi in contesti naturali andrebbero sempre evitati» e «pare irrealistico identificare contesti geografici di dimensioni adeguate a sostenere un nucleo di lupi, e che diano disponibilità all’immissione degli esemplari nei loro ambiti». (Fonte l'Arena del 29 Settembre 2014)
Ne "la Posta de la Olga" Silvino Gonzato affronta l'argomento col suo tipico stile umoristico ma quanto mai realistico e sensato. "Siamo scesi a Boscocesanova dove abbiamo saputo che, per paura dei lupi, non c'è più nessuno che viene su dalla città per andare a passeggiare lontano dalle case e le previsioni per l'inverno sono che le ciàspolade saranno un ricordo. Però abbiamo trovato anche uno col capèl da montagna il quale ci ha detto: «Volìo métar el fascino primordiale di una escursione tra i lupi?» e ha invitato el Zanna Gialla alla prima ciaspolàda. «Vedarémo - è stata la risposta – g'ò tanti impegni»”. Intanto Claudio Valente, direttore di Coldiretti Verona, è deciso a far sì che «gli allevatori possano andare all'alpeggio senza timori», cosa tutt’altro che facile con un branco di lupi in libera circolazione.



Caso sganzerla: le conclusioni del medico legale

L'Arena del 26 Settembre citava testualmente il medico legale Giampaolo Antonelli, incaricato dal tribunale di compiere la perizia sulle ferite inferte a Laura Roveri,  la sera del 12 aprile scorso all'interno della discoteca Victory di Vicenza: "Nessuna delle 16 coltellate inferte da Enrico Sganzerla poteva uccidere”.
In altre parole torturare a coltellate, affettare se vogliamo, senza ferire organi vitali non è tentato omicidio  e in tal caso si possono ottenere gli arresti domiciliari. La diretta interessata, oggetto delle ferite,  è parsa sui media alquanto contrariata: come darle torto!



Tutti in coda per l'iPhone 6

Code di fans pazzi per l’iPhone che passano la notte all’addiaccio, in fila anche 24 ore davanti agli Apple Store.  Gente che si prende ferie dal lavoro per essere tra i primi ad acquistare l’oggetto del desiderio, considerato il telefono migliore sul mercato:  lo smartphone che ha tutto. Un modello che nella sua versione top in Italia costa oltre mille euro. Un volantino distribuito a Roma dal Blocco Studentesco cercava di far riflettere gli avventori: «Ieri trincea e baionetta. Oggi un iPhone che ti aspetta!». Il richiamo evidente all’anniversario della Grande Guerra, per ribadire la crisi non solo economica in atto!


Incentivo di 1000 € per la rottamazione auto in Veneto
La Regione Veneto stanzierà 2 milioni per la rottamazione delle auto inquinanti, entro il 31 marzo 2015. Saranno ripartiti in contributi di 1.000 euro a ogni richiedente che abbia un veicolo con i requisiti previsti dal bando.  Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto, commenta: "Siamo felici che il Veneto abbia adottato questa significativa misura per svecchiare il parco circolante con sicuri impatti per la sicurezza, l'inquinamento e l'occupazione”. L’interesse è obbligatorio  verso un comparto che fattura il 12% del PIL e occupa circa 1.200.000 persone. Non sarà la soluzione della crisi, ma certamente un importante contributo a smuovere il mercato.



Cimitero verticale, rinvio di due settimane

Il consiglio comunale di Verona sta valutando il progetto di cimitero verticale a San Michele in località Fondo Frugose.  L’edificio visto dall’alto ha forma di croce e in fondo le anime dei defunti sono destinate al cielo: si potrebbe intendere come un modo per avviarle a “tornare alla casa del padre”!  Di fatto il cimitero verticale fa discutere e accende le minoranze apertamente contrarie al progetto. Il sindaco Flavio Tosi accoglie le richieste delle minoranze e fa tornare il documento all'esame della Circoscrizione e quindi della commissione consiliare. Pertanto, tutto fa supporre che non se ne farà nulla.


Ritrovate due valigie in un sottopasso vicino alla stadio Bentegodi
Il ritrovamento ha fatto scattare un allarme bomba a Verona con tanto di artificieri e chiusura della tangenziale, con pesanti ripercussioni sul traffico. Una delle due valigie è anche stata fatta brillare dagli artificieri. L’allarme è poi rientrato poco prima di sera, una volta scoperto che contenevano  solo fili elettrici dimenticati dagli addetti dell’azienda incaricata di installare gli «speed-check». Una dimostrazione che  la Questura e il Comando dei Vigili sono in stato di allerta e pronti a far scattate tutte le procedure del caso. In questa circostanza però si potevano evitare il tutto. «Nessun addetto né i responsabili della ditta hanno informato la Polizia municipale o l’amministrazione di questa iniziativa sconsiderata che ha causato allarme e ha provocato disagi a migliaia di automobilisti» ha dichiarato il comandante della municipale, Dr. Luigi Altamura.

RACCONTA EVENTI, SITUAZIONI O EMOZIONI CHE HANNO CARATTERIZZATO IL MESE TRASCORSO - CONTATTACI, TI ASPETTIAMO.

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu